Il domani di Laura | lungometraggio

Sinossi

Firenze, ai nostri giorni. Laura è una donna realizzata sotto ogni aspetto: un marito, dei figli, un lavoro che la gratifica. Una sera, Laura subisce violenza sessuale da una persona conosciuta: una persona di cui lei si fidava. Da quel momento la sua esistenza viene sconvolta: Laura perde la fiducia nel prossimo, e anche la fiducia in se stessa. Per ritrovarsi e riconquistare la propria vita dovrà percorrere una strada difficile, nella quale una nuova amica e un prezioso gruppo di persone l’aiuteranno a scoprire nuovi significati e valori nei rapporti con coloro che già la circondano.

Come è nato il progetto?

Il domani di Laura rientra nell’iniziativa “Firenze Crowd” nata dalla sinergia tra la Fondazione CR Firenze e la Fondazione il Cuore si Scioglie, da sempre a fianco della società civile per incentivare progetti di solidarietà, operando in Toscana con particolare attenzione al territorio fiorentino. Nel corso degli ultimi anni le due Fondazioni hanno attivato progettazioni condivise per contribuire al bene comune del nostro territorio e alla generazione di nuovi processi di innovazione sociale.
La Commissione Valutatrice, composta dai rappresentanti delle due Fondazioni e dagli esperti della cooperativa Feel Crowd, si è occupata della valutazione della nostra proposta sulla base della qualità della stessa: della sua aderenza ai bisogni dei destinatari, della sua originalità, della sua capacità di creare reti sul territorio, della possibilità concreta di raggiungimento del budget prefissato, dell’impatto previsto sul territorio di riferimento.

Attraverso un percorso formativo e di accompagnamento personalizzato, realizzato dalla cooperativa Feel Crowd, sono stati potenziati i canali di comunicazione e rafforzate le capacità progettuali con l’obiettivo di realizzare una campagna di raccolta fondi e attivare nuove comunità. Per 40 giorni, dal 9 novembre al 19 dicembre 2018, è stato attivato un crowdfunding su EPPELA con obiettivo 20.000 €. Una volta raggiunta la metà attraverso la raccolta popolare, il restante 50% del budget è stato finalizzato attraverso un cofinanziamento da parte delle Fondazioni.

Il 19 dicembre 2018 la campagna si è chiusa toccando la cifra di 20.335€, chiudendo l’obiettivo iniziale al 101% con 116 sostenitori.